Home restaurant, le nuove regole

home restaurant legge

L'home restaurant è la possibilità di fare occasionalmente ristorazione aprendo le porte di casa propria, di trasformare saltuariamente la propria casa in ristorante.



La propria cucina per amici, per persone che si conoscono ed anche per persone che non si conoscono (come veri e propri clienti).
Un'occasione per chi sa cucinare bene, per chi è appassionato di cucina e della buona tavola, ma anche per casalinghe, mamme, nonne e zie che possono mettere in tavola i propri piatti e farli conoscere.

In questi giorni su facebook, su Home restaurant Italia, ho sentito parlare di questa novità della nuova legge (che dicono si aspettava da tempo) per regolamentare i  'ristoranti in casa'.
L'argomento mi ha incuriosito ed ho deciso di approfondire in merito (cercando informazioni anche da chi conosce da vicino questa dimensione).

Partiamo dalla legge


Una legge che possa regolamentare la realtà 'Home restaurant': è stata approvata dalla Camera dei Deputati, ed adesso passerà in Senato.


Vediamo cosa dice questa legge, le novità e i punti salienti per l'attività di Home restaurant.

nuova legge home restaurant

La definizione

La legge stabilisce

 Cosa sia un home restaurant

1. Ai fini della presente legge si applicano le seguenti definizioni:
«home restaurant»: l’attività occasionale finalizzata alla condivisione di eventi
enogastronomici esercitata da persone fisiche all’interno delle unità immobiliari ad uso
abitativo, per il tramite di piattaforme digitali che mettono in contatto gli utenti anche a
titolo gratuito, e con preparazione dei pasti all’interno delle strutture medesime.

I soggetti interessati in un home restaurant

b) «gestore»: il soggetto che gestisce la piattaforma digitale finalizzata all’organizzazione
di eventi enogastronomici;
c) «utente operatore cuoco»: il soggetto che attraverso la piattaforma digitale svolge
l’attività di home restaurant;
d) «utente fruitore»: il soggetto che attraverso la piattaforma digitale utilizza il servizio di
home restaurant condiviso dall’utente operatore cuoco.
home restaurant


Le piattaforme digitali

Chi gestisce un home restaurant ha l'obbligo di registrarsi su una piattaforma, e di divulgare la sua attività su di essa.

PRO
-Il digitale è ormai il futuro, c'è la digitalizzazione di tantissime cose, è una realtà
-La piattaforma puo anche essere un'opportunità in più per farsi conoscere all'interno di una rete apposita, tutta dedicata agli home restaurant, come un grande portale che li raccoglie.

CONTRO
-In questo modo chi non ha dimestichezza con la tecnologia è tagliato fuori in partenza.

A tal proposito il parere  di Giambattista Scivoletto, amministratore del sito www.bed-and-breakfast.it e fondatore di HomeRestaurant.com: 

«Senza considerare la barriera che questi obblighi pongono fra l’attività di Hr e tutte quelle persone che non hanno un altissimo grado di alfabetizzazione digitale. Tale obbligo da solo, secondo un nostro sondaggio effettuato sul gruppo composto da aspiranti home restaurant, impedirà l’85% delle probabili aperture»
-Molti home restaurant lavoravano con il passaparola o con inviti diretti, adesso sarà invece obbligatorio passare dalla piattaforma.
-Chi non ha internet non potrà usufruire degli home restaurant

Le attività devono essere comunicate in piattaforma digitale
La legge dice:


Le attività di home
restaurant devono essere inserite nella piattaforma digitale almeno trenta minuti prima
dell’inizio dell’evento enogastronomico e devono rimanervi memorizzate anche in caso di
eventuale cancellazione o mancata realizzazione prima della sua fruizione.

Le attività e prenotazioni devono essere registrate.
Non si sa ancora se debbano essere specificate anche le pietanze servite.


I pagamenti solo tramite pagamento elettronico

La legge stabilisce solo pagamenti elettronici.

 Le transazioni di denaro sono operate mediante le piattaforme digitali e avvengono
esclusivamente attraverso sistemi di pagamento elettronico.

Niente contante, tutto diventa inoltre macchinoso e digitale, togliendo all'home restaurant quel rapporto diretto, ed anche la possibilità di pagare in contanti.


nuova legge home restaurant

Il limite di 5000 euro all'anno

La legge stabilisce
L’attività di home restaurant non può superare il limite di cinquecento coperti per anno solare. Tale limite di coperti vale in capo all’utente operatore cuoco e in capo all’unità immobiliare ad uso abitativo dove si svolgono le attività di home restaurant. L’utente operatore cuoco non può percepire proventi annui superiori a 5.000 euro.

Il divieto di fare home restaurant in un B&B e altre attività turistiche ricettive

La legge stabilisce

.L’attività di home restaurant non può essere esercitata nelle unità immobiliari ad uso abitativo in cui sono esercitate attività turistico-ricettive in forma non imprenditoriale o attività di locazione per periodi di durata inferiore a trenta giorni.

Potete leggere l'interno testo di legge a questo link 


CONVERSATION

0 commenti:

Posta un commento

GRAZIE PER I VOSTRI COMMENTI

Back
to top