Top Social

giovedì 10 luglio 2014

Leggere Il Commissario Montalbano di Andrea Camilleri, scoprire una Sicilia verace ed autentica



 Per arrivare a Calapiano scelse di fare la strata più lunga e meno agevole, quella aveva sempre pigliato le poche volte che c'era andato 
perché gli permetteva di rivedere quella Sicilia che di giorno in giorno scompariva, fatta di terra avara di verde e d'òmini avari di parole
 (L'odore della notte -Andrea Camilleri)

Ho deciso di iniziare così questo mio articolo, con una citazione dal libro di Andrea Camilleri, 'L'odore della notte' della celebre saga del Commissario Montalbano, una fra le citazioni più belle.

Leggere un libro di Andrea Camilleri, non è solo avere fra le mani un numero indefinito di pagine, un mucchio di fogli, ma è molto, molto di più.
Leggere 'Il Commissario Montalbano' è immergersi in una Sicilia verace ed autentica, riconoscervi delle tipologie caratteriali, dei modi di fare, degli usi comuni, l'umanità e la trasparenza di certi personaggi, che sembrano uscire fuori dalle pagine, quasi a materializzarsi lì seduta stante, grazie all'attenta e meticolosa descrizione, non solo esteriore, ma anche caratteriale.

Era un contadino vero, ma pareva un pupo di presepio,
la coppola incarcata in testa macari dintra al commissariato, il vestito di fustagno sformato, certe scarpe chiodate come non se ne vedevano in giro dalla fine della Seconda guerra mondiale. Sittantino asciutto, leggermente attortato per via del travaglio con lo zappuni, uno degli ultimi esemplari di una razza in via d' estinzione. 

Leggere 'Il Commissario Montalbano' è ritrovare paesaggi e luoghi dell'isola, dal mare all'entroterra.
Fra una pagina e l'altra ti sembra di sentire la brezza marina sul volto, quella della 'casa di marinella', languida e leggera, come una carezza, un porto sicuro che rasserena.
Oppure ci si puo ritrovare in luoghi selvaggi e rurali, dove ti sembra di sentire l'odore dell'erba appena tagliata, o ancora ci si puo ritrovare a camminare fra rocce e alberi d'olivo.
Storie di provincia, una provincia dove ancora ci sono certi ritmi, certe situazioni, la piazza del paese centro delle attività e del chiacchericcio.

Leggere 'Il Commissario Montalbano' sono pagine di vita.
Attraverso calzanti similitudini, ci si ritrova a insegnamenti di vita vera.
”Che fai?” gli domandai. 
E lui, a sua volta, mi fece una domanda. “Qual è la forma dell’acqua?”.
 “Ma l’acqua non ha forma!” dissi ridendo: “Piglia la forma che le viene data”

Leggere 'Il Commissario Montalbano' è  un viaggio letterale enogastronomico, per conoscere specialità culinarie da leccarsi i baffi, fra arancini e caponate, polipetti e pasta 'col nero', fra ristoranti in riva al mare, oppure e cenette consumate 'nella verandina' affacciati su una magnifica terrazza.

'All’osteria san Calogero lo rispettavano, non tanto perché fosse il commissario quanto perché era un buon cliente, di quelli che sanno apprezzare. Gli fecero mangiare triglie di scoglio freschissime, fritte croccanti e lasciate un pezzo a sgocciolare sulla carta da pane” (La forma dell’acqua)'

Vi ritroverete fra 'viddrani con i loro bummuli', straniere perfettamente ambientate nell'isola, 'sissantini distinti' e 'brave fimmine di casa'.

Nelle foto vedete i miei primi due libri, che custodisco gelosamente, i primi libri che ho acquistato ormai diverso tempo fa, del 'Commissario Montalbano'.
Ho deciso di iniziare dalla raccolta 'Gli arancini di Montalbano', attratta dalla copertina dal gusto tipicamente mediterraneo, con l'illustrazione che raffigura la mitica 'terrazza', per proseguire con 'Racconti di Montalbano' (alcuni racconti si ripetono), per poi passare ai romanzi singoli della Sellerio.


15 commenti on "Leggere Il Commissario Montalbano di Andrea Camilleri, scoprire una Sicilia verace ed autentica"
  1. ho letto i libri e visto tutto il telefilm, adoro Montalbano!
    Nameless Fashion Blog

    RispondiElimina
  2. Adoro leggere libri di questo genere, devo assolutamente provarlo sotto l'ombrellone!
    Fabrizia – Cosa Mi Metto???

    RispondiElimina
  3. Ma quanto hai ragione tu e Camilleri! Meravigliosa la citazione iniziale...talvolta mi sembra di rivivere la stessa situazione in Puglia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pugliese anche io, potrei dire lo stesso ;)
      Io non ho mai letto nulla di Camilleri, mea culpa! :(

      Mina, Fashion Blogger on The Style Fever

      Elimina
  4. Adoro Camilleri, ho letto quasi tutti i suoi libri!
    Alessia
    THECHILICOOL
    FACEBOOK
    Kiss

    RispondiElimina
  5. Mia zia va pazza per Montalbano :) questa estate provo a leggerlo anche io appena ho tempo, sono curiosa!

    RispondiElimina
  6. Devo ammettere di non aver letto mai niente di Camilleri, dovrò assolutamente rimediare!!

    RispondiElimina
  7. mio padre è un fan accanito di Camilleri e quindi ho tutti i libri... forse è giunto il momento di approcciarmi a questo autore leggendone almeno uno!

    RispondiElimina
  8. adoro Camilleri, anche non essendo mai stata in Sicilia mi sembra di averci vissuto!

    RispondiElimina
  9. Non ho mai letto i libri, nè visto il telefilm. Credo di essere una delle poche. Però ho sempre pensato fosse un genere che non mi attirasse. Dopo questo tuo post rivaluterò la situazione

    RispondiElimina
  10. Ci credi che non ho mai letto i libri? Eppure ho visto qualche puntata del telefilm e devo dire che mi ha appassionata.
    ARMOIRE DE MODE

    RispondiElimina
  11. Mia mamma è una patita di Camilleri ma io non ho mai letto nulla, dovrò rimediare!
    Kiss

    Tati loves pearls

    RispondiElimina
  12. Adoro i libri di Camilleri!
    www.alessandrastyle.com

    RispondiElimina
  13. Mio nonno adorava sia libri che telefilm... Io un po' meno, non mi ha mai appassionata! ;)

    RispondiElimina

GRAZIE PER I VOSTRI COMMENTI

Custom Post Signature