La vera pausa caffè

La vera pausa caffè

riflessioni sulla pausa caffè


Vorrei condividere con voi l'idea che ho io sulla pausa caffè.


Per me la pausa caffè è quel lasso di tempo che va dalla preparazione al consumo vero e proprio del caffè.

A me capitava spesso di farla una mezzora dopo pranzo, quando i piatti sono stati lavati, e la cucina risulta più pulita e libera, e soprattutto prima di iniziare a vivere il pomeriggio.

Più si dovevano affrontare lunghi pomeriggi lavorativi, o comunque impegnativi e più questa pausa, diventava quello spazietto di pace, che separava il pranzo dai doveri.

E sì, perché sapendo di dover affrontare un duro pomeriggio, o in ogni caso delle situazioni noiose, faticose, quel momento diventava una sorta di spazio tra il dovere ed uno stato di dolce attesa.

Come quando uno sta uscendo di casa, saluta la moglie, e poi, invece di uscire torna nuovamente indietro e la saluta nuovamente, quasi come a voler ritardare di qualche secondo il faticoso dovere.

Così è la pausa caffè per me.

significato pausa caffè


Io non mi faccio fare il caffè di solito, e non lo prendo di fretta e furia, perché così sarebbe una sorta di medicina per svegliarsi. Non lo prendo subito dopo pranzo, perché non lo uso come digestivo.
La mattina al contrario lo prendo senza troppi fronzoli, perché ho bisogno di carica, e non la vedo come una pausa.

Ultimamente lo prendo con la moka classica, ma ho usato anche la napoletana.

Mentre sonnecchio sul divano, o sulla sedia, noto che il tempo scorre, ed anche troppo, e purtroppo bisogna alzarsi per affrontare la qualsiasi, quindi mi alzo prendo la moka ed inizio la mia vera pausa. 
Mentre metto l'acqua, carico il caffè a ''montagnella'' , mai pressato, e sono in pace, sono protetto da ogni cosa, sono ancora in fase di riposo.

Metto sul fornello più piccolo, e fuoco al minimo. 

Prendo intanto la tazzina, in ceramica, e più spessa possibile, e metto lo zucchero, prima del caffè.

A questo punto mi siedo ad attendo che salga il caffè.

preparare il caffè per una buona pausa

Questo momento è pausa pura, perché non posso fare altro, proprio perché devo controllare il caffè messo sul fornello.


Inizia ad uscire il primissimo caffè, denso e profumato.

Mi alzo e ne metto qualche goccia nella tazzina con lo zucchero ed inizio a miscelarlo, creando una sorta di crema. Questo processo è molto delicato, e se si supera un certo quantitativo di caffè, la crema non viene.

Quando ormai il caffè è uscito, lo verso con calma nella tazzina e se tutto è andato bene girando delicatamente, si forma la schiuma in superficie.

Tal volta non si forma, ma l'importante è sciogliere lo zucchero prima con poco caffè, anche solo amalgamandolo con il movimento rotatorio della tazzina.

Quando ormai il caffè è nella tazzina il tempo è scaduto, ma si deve bere caldo e con calma.


Alla fine per me conta più il momento di prepararlo, ed attenderlo. Naturalmente conta anche bere un buon caffè che ti da la carica e soddisfazione.

 
riflessioni sul caffè

Il maestro Edoardo De Filippo diceva, che questi gesti fanno parte della poesia della vita, riferendosi al modo in qui si preparava lui stesso il caffè.

Con la macchinetta napoletana, questa pausa si prolunga perché quando l'acqua inizia a bollire, li inizia l'attesa. E si attende che il caffè passi nella parte sottostante. Nell'attesa si può continuare a parlare e a riposarsi.

Questa pausa è sicuramente amplificata se condivisa con un altro appassionato di caffè!


Per voi cos'è la pausa caffè?

CONVERSATION

15 commenti:

  1. La mia pausa caffè è quella del mattino appena sveglia: mi alzo appositamente mezzora prima di tutti e me lo gusto nel silenzio totale, con la luce della cappa accesa e il gatto accoccolato ai miei piedi. Per me questo è il momento migliore per gustare l'oro nero!

    RispondiElimina
  2. stavo cercando un post così da condivider con mia mamma lei è matta e guai se salta la pausa caffé!

    RispondiElimina
  3. Io non amo il caffè quindi la mia è più un " pausa thè" nel pomeriggio. Per me soprattutto in autunno ed in inverno è un vero e proprio rituale, un momento da dedicare solo per me per poi ricominciare con le attività quotidiane.

    RispondiElimina
  4. Anche io ho la mia pausa caffè, e nel pomeriggio mi preparo la pausa te. Anche se devo dire che la moka l'ho abbandonata da un bel pò.

    RispondiElimina
  5. adoro fare la pausa caffè ... con la mia mamma <3

    RispondiElimina
  6. Io non amo il caffè lo prendo al mattino velocemente quando ho fretta altrimenti preferisco fare una pausa per il tè

    RispondiElimina
  7. amo il caffe.. è una sorta di grande amore e condivido tuo pensiero

    RispondiElimina
  8. La pausa caffè è quando riprendo fiato dopo una giornata impegnativa e si, ci vuole il tempo e la moka. :-) ciao Simona

    RispondiElimina
  9. Per me la pausa caffè è, in questo momento, un attimo goloso...perché me lo “correggo” con schiumetta di latte e crema alla nocciola sui bordi della tazzina!
    Nicoletta
    http://lavieestbellebynicoletta.com

    RispondiElimina
  10. ho letto quest'articolo tutto d'un fiato! hai scritto in un modo simpaticissimo e intrigante, poi io da napoletana mezzosangue, sono una vera fan del caffè e già solo la parola mi inebria quasi come il psuo profumo che fuoriesce dal beccuccio della moka !

    RispondiElimina
  11. Fino a qualche tempo fa non bevevo mai il caffè, oggi per me è come una sorta di momento per stare insieme, per fare una piccola pausa per ricaricarsi.

    RispondiElimina
  12. All'incirca la mia pausa caffè è molto simile alla tua.... è un momento sacro della giornata che la dedico completamente a me....

    RispondiElimina
  13. Anche per me la pausa caffè è un rito. Ma il mio rito prevede la macchinetta e un nespresso. Questo non significa che non me lo goda, anzi. Il primo caffè lo prendo prima che si alzino tutti, con la mia tazzona di Facebook, accovacciata sul divano, in religioso silenzio, sorseggiandolo e portandolo alla bocca con due mani. Poi, la mia giornata può avere inizio.

    RispondiElimina
  14. Condivido perfettamente il tuo pensiero sulla pausa caffè. Per me era così ed è stato in passato anche un momento di convisione con la famiglia.
    Mia mamma ha sempre preparato il caffè con la moka (quello un po' lungo che forse a tanti non piacciono), ma per noi quel momento era da vivere tutti insieme, prima di tornare a lavoro, a studiare ecc...

    RispondiElimina
  15. adoro il caffè e specialmente questo rumore caratteristico di una caffettiera -lo adoro e poi questo odorino.... Anche a me non piace bere un caffe in fretta e preferisco godermi questo momento.

    RispondiElimina

GRAZIE PER I VOSTRI COMMENTI

Back
to top