Presentazione del Presidio del Cece di Teano | Slow Food

Presentazione del Presidio del Cece di Teano


Il Cece di Teano è entrato di diritto nella lista dei presidi Slow Food per via della sue peculiari caratteristiche, che vanno dalla forma, alla spiccata rusticità e resistenza alle malattie.

Inquadramento territoriale

Dove si coltiva il cece di Teano?


Viene coltivato in un ristretto areale geografico nella provincia di Caserta principalmente nella zona di Teano, ma anche a Maiorisi, Sessa Aurunca, Francolise, Pietravairano, Nocelleto, Vairano Patenora, Caianello e Roccamonfina.

Per portare avanti la coltivazione di questo legume, è necessaria la conservazione del seme, e non è certo semplice visto che parliamo di un prodotto coltivato in pochissimi centri.

Il cece di Teano presidio slow food


Con l'ingresso nel presidio Slow Food, il Cece di Teano è stato preso in considerazione da diversi produttori che lo stanno coltivando, e si spera che nel corso degli anni questo possa essere coltivato ad ampio raggio.

Non è facile, ma con la costanza e le iniziative il prodotto potrebbe essere veramente valorizzato per quello che merita. 

 Slow Food Massico e Roccamonfina

Promozione dell'eccellenza campana


Intanto sabato 10 novembre a Teano, presso le Sale del Loggione alle ore 18:00 si terrà l'evento Presentazione del Presidio del Cece di Teano, curato dello Slow Food Massico e Roccamonfina, e ci saranno numerosi interventi.
Un modo per far conoscere questa grande realtà che contraddistingue quest'area dell'alto casertano.

Per maggiori informazioni ed aggiornamenti potete visitare la pagina facebook:  Slow Food Massico e Roccamonfina

Se vi piace la cucina vi metto sotto dei link di articoli di ricette dove sono stati utilizzati i ceci. Purtroppo non di Teano, ma se avremo l'occasione rimedieremo:

CONVERSATION

0 commenti:

Posta un commento

GRAZIE PER I VOSTRI COMMENTI

Back
to top